Serie A

Carlo Alvino tuona contro la Juventus: "Vergognoso l’attacco finale all’arbitro da parte dei giocatori di casa in pieno stile..."

Il giornalista di fede napoletana dopo la fine del match dell'Allianz Stadium, ha sbottato contro i giocatori bianconeri con un post su Twitter

Andrea Riva
07.01.2022 12:45

Carlo Alvino (ph. Facebook)

Ieri sera nel posticipo della 20.a giornata del campionato di Serie A, il big match dell'Allianz Stadium tra Juventus-Napoli è terminato 1-1 con la squadra partenopea che ha portato via un ottimo punto, visti i tanti indisponibili tra positivi al Covid e quelli convocati per la Coppa d'Africa, in partenza domenica 9 gennaio.

Il giornalista di fede napoletana Carlo Alvino e sempre molto critico nei confronti della Juventus ha voluto fare un tweet sulla sua pagina ufficiale attaccando la squadra bianconera per le grandi proteste nel finale, quando molti giocatori hanno protestato veementemente contro l'arbitro Sozza, reo di non avergli fatto battere il calcio d'angolo. Il direttore arbitrale infatti ha fischiato la fine spiegando che il tempo di recupero era scaduto, anche se questa spiegazione sembra non abbia convinto troppo alcuni giocatori bianconeri.

Molto duro il tweet di Alvino che alla fine ha incensato la prova dei ragazzi di Luciano Spalletti: "Vergognoso l’attacco finale all’arbitro da parte dei giocatori di casa in pieno stile Juventus. Che soddisfazione! Ci sono pareggi che valgono più di una vittoria. Un premio al coraggio di questo Napoli che porta via un punto senza mai soffrire. Bravi tutti!"

Come spesso capita ha avuto molti commenti da ambedue le tifoserie con quella partenopea ovviamente d'accordo con le sue parole, mentre quella juventina in totale disaccordo. 

LEGGI ANCHE: Rigori a favore e contro, la classifica: chi è il club più penalizzato e quello più favorito?

Carlo Alvino, il suo tweet

Dazn, mezzo milione di abbonati persi nel 2021: anche il 2022 parte male, proteste degli utenti
Crosetti al veleno su De Laurentiis: "Cavalca il vento a sua convenienza. Contano solo i soldi"