Calciomercato

Napoli, Maksimovic e Hysaj non rinnovano. La situazione

I due difensori potrebbero andare a scadenza di contratto

Francesco Perna
15.10.2020 15:15

Elseid Hysai (Ph. Twitter)

Napoli, Maksimovic ai saluti?

Una trattativa lunga e articolata per lui, approdata però improvvisamente ad una fase di stallo, con le parti tuttora arroccate su certe posizioni. Ne stavano già discutendo da un bel pezzo, tanto da apparire scontata la fumata bianca (quella del prolungamento) già ai primi di agosto, ma s'è poi tutto raffreddato in prossimità dell’ultima di Champions col Barcellona (8 agosto), ottavo di finale con Nikola relegato in panchina (ancor prima anche nell’ultima di campionato con la Lazio), nonostante un ruolino di marcia super sino a quel momento. E sì, perché il serbo s’era reso protagonista d’una seconda parte di stagione ai massimi livelli, addirittura già da prima del lockdown. Per poi farsi ritrovare pronto anzi, prontissimo, alla ripresa di giugno, diventando titolare pressoché inamovibile in campionato e fra i protagonisti nella conquista della Coppa Italia. Permane però distanza fra le parti sull’ingaggio, ma se ne dovrà riparlare: Maksimovic, uomo su cui Gattuso ha già mostrato di fare affidamento, rappresenterebbe un valore aggiunto nel corso d’una stagione anomala. 

Napoli, Gattuso spinge per la permanenza di Hysaj

Caso analogo, stando alle premesse, ma con sfaccettature diverse. Anche l’albanese è prossimo alla scadenza e, secondo gli ultimi orientamenti, il tutto potrebbe risolversi nelle prossime settimane («entro fine ottobre il dentro o fuori», stando al procuratore). In caso contrario (come per Maksimovic), da gennaio sarebbe libero di accordarsi con un altro club a parametro zero. I contatti fra le parti continuano, lo stesso Ringhio avrebbe piacere di ritrovarselo a disposizione, dopo avergli accordato fiducia ottenendo risposte più che soddisfacenti. 

Fonte: Fantacalcio.it

Commenti

Eleven Sports gratis, Serie C gratuita per tutto il mese di novembre
ESCLUSIVA - Baldi Rossi: "Prima di Djordjevic ero un giocatore di A2, la Virtus ha tanto talento"