Serie A

Sconcerti critica l'Inter: "Conte "controllato" durante le interviste come nell'Unione Sovietica"

Le parole del noto giornalista a Calciomercato.com

Francesco Rossi
16.11.2020 16:23

Sconcerti fonte zazoom.it

 

Il noto giornalista Mario Sconcerti, ha attaccato l'Inter durante un'intervista a Calciomercato.com, rea secondo lui di "controllare" troppo Antonio Conte durante le interviste. Sconcerti ha portato come esempio l'ultima intervista rilasciata dal tecnico pugliese a La Gazzetta dello Sport. Ecco le parole di Sconcerti in merito a questa vicenda:

"L'intervista di Conte alla Gazzetta di ieri è bella e insolita. D'altra parte Conte è bravo ed è bravo anche l'intervistatore. La palla rimane un po' troppo al centro, mancano i dettagli di campo ma questo è previsto nelle interviste concordate: se le fai non puoi anche essere polemico, per l'intervistato deve esserci sempre un lieto fine. Succede così in ogni campo, anche conferenze dei politici. Ma guardate bene la fotografia che c'è a pagina tre e sul digitale: Conte e Di Caro sono al tavolo, uno davanti all'altro. A capo tavola c'è il direttore della comunicazione dell'Inter: qual è il suo ruolo a quel tavolo? Perché è lì tra di loro? A tutela di chi? Di cosa? L'Inter è già tutelata da Conte e questa comunque è un'intervista a Conte, non all'Inter. Che ci fa dunque il direttore della comunicazione? Controlla. Controlla Conte e Di Caro. Quello che Conte dice, per vedere come verrà poi riportato. E molto vicino alla figura del commissario politico della vecchia Unione Sovietica e molto in voga ancora nei paesi autarchici, ma non meravigliatevi, è così dovunque. In Occidente, nella democraticissima Italia e soprattutto nel calcio, che è ormai un regime benedetto da tutti.". 

Commenti

DAZN, ecco come ricevere un mese di visione gratuita
Lazio, De Martino: "Biancocelesti campioni d'Italia senza il Covid"