Serie A

Match analysis: ecco nel dettaglio la Sampdoria di Claudio Ranieri

Simone Biancofiore
26.10.2019 11:17
Dopo la buona prestazione dell’Allianz Stadium contro la Juventus, il Bologna ospiterà la Sampdoria di Claudio Ranieri. L’analisi sui blucerchiati FORTINO DALL’ARA PER IL BOLOGNA, MIHAJLOVIĆ ANCORA A SECCO CONTRO RANIERI Sono 102 i confronti ufficiali avvenuti tra Bologna e Sampdoria; i rossoblu hanno vinto in 38 occasioni, 31 i pareggi e 33 le vittorie doriane. Negli ultimi 5 confronti le due squadre non hanno mai pareggiato: il Bologna ha vinto 2 volte mentre la Sampdoria le restanti 3 partite.Una statistica favorevole alla squadra di Sinisa Mihajlovic e che negli ultimi 5 confronti tra le mura amiche non ha mai perso (4 vittorie e 1 pareggio). Sono addirittura 10 i risultati utili consecutivi per la squadra bolognese che non perde al Dall’Ara contro i liguri dal 2 novembre 2003 quando fu decisiva una rete di Cristiano Doni. Per Sinisa Mihajlovic si tratterà di un ritorno al passato visto che ha allenato la Sampdoria per due anni. In carriera ha affrontato la Doria 10 volte; 4 le vittorie, 4 i pareggi e 2 le sconfitte. Inoltre, il serbo non ha mai battuto in carriera Claudio Ranieri. I NUMERI DELLA SAMPDORIA: UN INIZIO DI STAGIONE DA INCUBO Claudio Ranieri ha esordito sulla panchina della Sampdoria una settimana fa, subentrando di fatto a Eusebio Di Francesco. L’ex tecnico del Sassuolo, in 8 gare, tra campionato e Coppa Italia, ha vinto solamente 2 volte e perso in 6 occasioni. Numeri negativi che stanno condannando i doriani ad occupare attualmente l’ultima posizione della classifica. In campionato ha conquistato appena 4 punti grazie ad una vittoria, un pareggio e 6 sconfitte. Con sole 4 reti segnate ha l’ultimo attacco della competizione mentre con 16 reti incassate ha la terzultima peggior difesa.Interessante il dato relativo ai gol segnati considerando che la squadra di Claudio Ranieri non ha mai siglato una rete nella prima frazione di gioco. La fascia di tempo che va dal 30’ al 45’ è quella in cui ha finora incassato più reti (4). Decima nella classifica tiri (101) e 15^ in quella dei cross effettuati (117). Con 234 uno contro uno tentati è al 11° posto in questa particolare graduatoria, nei 90’ ne effettua in media 27, 35. La Samp è la 2^ squadra con meno falli subiti (86) e 5^ per il maggior numero di fuorigioco fischiati (16). Altre caratteristiche rilevanti sono che la formazione di Claudio Ranieri è la 2^ squadra della Serie A per palloni intercettati (382) ma la 3^ per palloni persi. Le problematiche riscontrate durante la gestione di Di Francesco sono emerse soprattutto nella fase di costruzione del gioco. Infatti la squadra genovese è 18^ nella classifica passaggi effettuati (2667). Un possesso palla che molto spesso si è rivelato sterile e in altre occasioni la squadra si è fatta dominare dall’avversario. La Sampdoria è inoltre la quartultima squadra del torneo con il minor possesso palla. UOMINI CHIAVE: UN COLLETTIVO DA RITROVARE, JANKTO LA SORPRESA Con un avvio di stagione cosi disastroso è difficile trovare l’uomo chiave della Sampdoria. Mancano i gol di Quagliarella e l’intero collettivo ha faticato a mettere in mostra tutte le qualità che ha a disposizione. Nelle prime gare gli intoccabili sono stati il portiere Audero e il terzino sinistro Murru, entrambi hanno giocato rispettivamente 770’.In difesa, in termini statistici, il polacco Bereszyński è stato sicuramente uno dei giocatori più positivi. Primo della sua squadra per passaggi effettuati (321), un dato che conferma come Di Francesco puntava molto a far partire la manovra dalla destra. Inoltre, il terzino è il 5° giocatore della Serie A per palloni intercettati (54). In mezzo al campo Ranieri, nella gara di esordio contro la Roma, ha puntato subito su Bertolacci. L’ex Genoa ha vinto il 69% dei duelli contro i giocatori giallorossi e ha messo ordine in mezzo al campo grazie alle sue qualità. Un altro giocatore importante è lo svedese Ekdal, secondo giocatore della Samp per passaggi effettuati e quindi anche lui determinante nello sviluppo della manovra. In attacco ci sono da citare Rigoni e Quagliarella. L’argentino sta cercando ancora di consacrarsi e ha tutto il potenziale per farlo. È da lui che potrebbero nascere i migliori guizzi offensivi considerando le sue doti che lo rendono imprevedibile nell’uno contro uno. Come già anticipato, i numeri dell’attacco sono molto negativi e fa strano se si considera che in rosa c’è un attaccante come Quagliarella che l’anno scorso ha terminato la stagione con 26 reti. Nello scorso campionato, all’ottava giornata, aveva messo a segno due reti mentre invece quest’anno solamente una. L’attaccante napoletano è il calciatore della Sampdoria che ha tirato di più in porta e il giocatore della Serie A che è stato pescato più volte in fuorigioco. La sorpresa della rinascita doriana potrebbe essere Jankto. Claudio Ranieri ha sicuramente un compito molto arduo: rivitalizzare quello che è stato un investimento molto importante per le casse del club di Ferrero e che non ha ancora espresso tutto il suo potenziale. Il classe ‘96 è un giocatore molto tecnico che può giocare a centrocampo, sia come centrale e sia come mezzala, e in posizione più avanzata come trequartista. Con i loro movimenti, con o senza palla, il cieco e Rigoni possono essere un’arma molto pericolosa sopratutto negli ultimi metri. ASSETTO TATTICO: TANTE POSSIBILITÀ PER RANIERIContro la Roma Claudio Ranieri si è presentato con un 4-4-2 molto lineare e quadrato, cercando di dare subito alla squadra compattezza ed equilibrio. Con la rosa che ha disposizione il tecnico blucerchiato ha molte varianti da sfruttare. Un’ipotesi potrebbe essere l’inserimento di un trequartista come Caprari, Ramirez, Maroni o avanzando Jankto passando quindi ad un 4-3-1-2. Un’altra possibilità potrebbe essere l'utilizzo del modulo preferito dall’ex tecnico giallorosso ovvero il 4-2-3-1. La difesa dovrebbe essere riconfermata, a centrocampo si giocano due maglie da titolare Vieira, Bertolacci ed Ekdal. Con l’inserimento di quest’ultimo, il Bologna potrà sfruttare le sue non eccellenti doti atletiche cercando quindi di fare molta pressione per metterlo in difficoltà. La squadra di Sinisa Mihajlovic dovrà esser brava a sfruttare le corsie esterne considerando le qualità offensive di Jankto e Rigoni che potrebbero quindi lasciare molti spazi. L’uomo chiave rossoblu potrebbe quindi essere l’ala sinistra Nicola Sansone; è proprio in quella zona di campo che la Samp va maggiormente in difficoltà sopratutto se il terzino titolare sarà Murru. (Fonte dati: Wyscout) (Foto copertina: Sky)

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Consigli Fantacalcio - 9ˆgiornata 2019-20