Calcio

Serie A: i top e i flop della 15^ giornata di campionato

Francesco Perna
09.12.2019 09:00
Non sono mancate le sorprese in questo turno di Serie A. La Juve cade contro la Lazio mentre la Roma ferma sul pari l'Inter di Conte Una buona Roma è riuscita a fermare l'Inter. Per la prima volta in questa stagione i nerazzurri non hanno segnato in un match tra campionato e Champions League. I lombardi avevano infatti sempre trovato il gol in tutte le prime 19 gare con Conte alla guida. La squadra di Fonseca si è dimostrata compatta, ordinata ma poco incisiva in avanti anche se è arrivato il quarto risultato utile, tornando a casa con nuove certezze. Samir Handanovic eguaglia Alessandro Costacurta (458 partite), in 30^ posizione nella classifica dei giocatori più presenti nella storia della Serie A a girone unico. Gol, emozioni e polemiche al Gewiss Stadium, dove Atalanta e Verona danno vita a una gara altamente spettacolare. Alla fine la spunta la Dea, grazie a una zampata di Djimsiti in pieno recupero, ma anche la squadra di Juric esce tra gli applausi, dopo aver accarezzato a lungo l'impresa. L'Hellas ha subito sei gol nelle ultime due partite di campionato, tante reti quante nelle precedenti sette. Tre degli ultimi quattro gol di Luis Muriel sono arrivati da calcio di rigore mentre Ruslan Malinovskiy e Berat Djimsiti sono l'11° e il 12° giocatore dell'Atalanta ad andare a segno in questo campionato, nessuna squadra ha così tanti marcatori diversi. Cinque punti nelle ultime sette gare, nove partite senza vincere tra Serie A e Champions. E' questo il bilancio amaro del Napoli. Numeri di una crisi che il pareggio con l'Udinese non interrompe. Anzi, se possibile, aumenta. Soprattutto per la prestazione della banda di Ancelotti. I friulani sono la squadra che ha perso più punti da situazione di vantaggio in questo campionato (11). Una dimostrazione di forza in piena regola quella della Lazio, che per la prima volta in stagione ferma la squadra da 8 anni campione d'Italia e ora spalanca nuovi scenari per questo campionato. I biancocelesti spazzano via la Juve in rimonta, mettendola sotto sia sul piano del gioco che su quello dell'intensità. Gli uomini di Sarri, dopo il pari col Sassuolo, confermano le difficoltà del periodo e scivolano a 2 punti dall'Inter. I capitolini non vincevano all’Olimpico contro la Juventus in Serie A dal dicembre 2003, quando alla guida c’era Roberto Mancini (2-0) mentre Luis Alberto è il giocatore ad aver fornito più assist nei Top-5 campionati europei 2019/20 (11). Il Lecce non si arrende neanche di fronte a un eurogol e a un rigore che avrebbero potuto stendere un toro, trovando un pareggio in extremis contro il Genoa di Thiago Motta. Domenico Criscito ha trasformato tutti i 12 rigori calciati in carriera (quattro su quattro nel torneo in corso), tra Serie A, Serie B e campionato russo. I salentini sono la squadra che ha mandato in gol più giocatori italiani differenti (sette) in questo campionato.Sei giorni dopo la clamorosa vittoria contro la Samp, il Cagliari rimonta nuovamente un doppio svantaggio anche se stavolta il punto guadagnato è uno solo. Un pareggio che comunque può fare contento Maran, che con 29 punti resta agganciato alla Roma e rimane imbattuto dallo scorso 1 settembre (1-2 in casa contro l'Inter). Solo la Lazio (24) e il Cagliari (19) hanno segnato più gol in casa del Sassuolo (18) in questo torneo. Domenico Berardi ha segnato otto gol in 11 presenze in questo campionato, eguagliando il numero di reti messo a segno nella scorsa stagione (in 35 partite giocate). Il Brescia ottiene una vittoria preziosissima al "Mazza" di Ferrara. Nel giorno del ritorno in panchina di Corini, l’1-0 sul campo della Spal vede la firma di Balotelli e consente ai lombardi di scavalcare gli estensi al penultimo posto in classifica. Il Torino batte 2-1 la Fiorentina all'Olimpico Grande Torino e conquista la seconda vittoria consecutiva dopo quella di Marassi contro il Genoa. Crisi nera per i toscani, che rimediano il quarto ko di fila. Primo gol stagionale di Caceres, che non segnava nel massimo campionato italiano da aprile 2018 quando vestiva la maglia della Lazio. Il Parma espugna il campo della Sampdoria grazie al gol di Kucka nel primo tempo e ai miracoli di Sepe nella ripresa e trova la sesta vittoria in campionato, salendo a quota 21 con il Napoli nella classifica di Serie A. La formazione di Ranieri, invece, rimedia il secondo ko di fila e rimane in quattordicesima posizione con 12 punti. I liguri hanno raccolto 12 punti nelle prime 15 giornate: è il peggior inizio dei blucerchiati nell’era dei tre punti a vittoria. Quagliarella ha sbagliato un rigore dopo che aveva realizzato i precedenti 11 nella competizione. Tre punti pesanti col brivido. Il Milan torna da Bologna col bottino pieno. E lo fa con una buona prestazione. Discorso diverso invece per i felsinei, che escono dalla gara contro i rossoneri con tanti rimpianti e l'impresisone di aver perso comunque l'occasione di poter rimettere in carreggiata la partita negli ultimi minuti. Per la prima volta in questo campionato il Milan ha segnato almeno 3 gol in un match mentre Bonaventura non trovava il gol lontano da San Siro, da agosto 2018.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Capolavoro di Rocchi a Lecce, a Fabbri manca la personalità