Serie C

Clamoroso tonfo interno della Reggina, il Bari torna a -7. Harakiri Ternana

Salvatore Delle Donne
03.03.2020 12:09
A sorpresa cade la capolista Reggina, battuta dal Monopoli. Il Bari ne approfitta e torna a sette lunghezze. Momento positivo per Catania e Sicula LeonzioL'emergenza coronavirus ferma la Lega Pro, o meglio girone A e B. Si, perchè il girone C scende regolarmente in campo per disputare la ventinovesima giornata, e non sono mancate le sorprese. A partire dal match del Granillo, dove la prima della classe Reggina perde 0-2 dal Monopoli. La squadra di Scienza, aiutata dall'espulsione del capitano amaranto De Rose, si aggiudica la gara grazie alle reti di Salvemini e Piccinni nella ripresa, conquistando la sesta vittoria esterna consecutiva e consolidando il terzo posto in classifica a quota 57 punti. Gli amaranto interrompono una striscia di cinque risultati utili consecutivi, consentendo così alle dirette inseguitrici di rosicchiare tre punti. Su tutte il Bari, che al San Nicola batte 2-1 l'Avellino grazie alle reti di Antenucci (sempre più capocannoniere) e di Perrotta, riducendo a sette i punti di distacco dal primato a nove giornate dal termine. In zona playoff consolida il quarto posto il Potenza, che al Viviani batte 2-0 il Catanzaro - di Giosa e Carlos Franca le reti - al termine di una bella prova. Prosegue il momento nero per la squadra di Auteri, alla terza sconfitta in sette giorni, che le costa il sesto posto in classifica, occupato adesso dal Catania. La squadra di Lucarelli, al quinto risultato utile consecutivo, dimostra maturità e voglia di vincere, imponendosi all'ultimo respiro sulla Vibonese. Gli etnei, in vantaggio nel primo tempo grazie al rigore trasformato da Curcio, vengono raggiunti da un gol di Emmausso nella ripresa, prima del definitvo 2-1 di Mazzarani che fa esplodere gli oltre cinquemila presenti al Massimino. Prosegue l'involuzione generale in casa Ternana. La squadra di Gallo non sa più vincere e al Liberati compie un autentico suicidio, impattando 2-2 col Bisceglie. Dopo aver chiuso in vantaggio di due reti la prima frazione grazie alle reti di Russo e Mammarella, i rossoverdi subiscono la rimonta dei pugliesi trascinati da una doppietta di Montero. Per i nerazzurri un ottimo punto in chiave playout, dove non si arresta la risalita della Sicula Leonzio. I siciliani conquistano, la quarta vittoria nelle ultime cinaque partite, espugnando anche il campo del Rieti, al quinto k.o. di fila e con un piede e mezzo in serie D. A decidere il match dello Scopigno è una doppietta dell'attaccante argentino Lescano, con in mezzo la rete del momentaneo pari di Tirelli. Vittoria preziosa che alimenta speranze in chiave salvezza per il Picerno, che espugna il campo della Virtus Francavilla. I lucani sbancano in rimonta il Giovanni Paolo 1-2, in una gara viva e ricca di emozioni. Dopo il primo tempo chiuso in parità con le reti di Perez e Guerra, è Esposito dal dischetto a inizio ripresa a decidere il match. Non ne approfitta il Rende, bloccato sullo 0-0 in casa dalla Viterbese, restando così ancorato al penultimo posto in classifica con soli 20 punti.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Sarri e la comunicazione non vanno a braccetto