Calcio

Inter, Barella: "Conte mi ha aiutato tanto. Lukaku determinante come nessuno"

Intervistato da Diletta Leotta, il centrocampista dell'Inter, Nicolò Barella, ha parlato del suo rapporto con l'allenatore nerazzurro e delle capacità dell'attaccante belga.

Barbara Ribaudo
13.01.2021 11:55

Protagonista di Linea Diletta, il centrocampista dell'Inter, Nicolò Barella ha voluto svelare al volto televisivo di DAZN alcuni aneddoti sulla sua carriera da calciatore: dal rapporto con gli allenatori che lo hanno guidato in questi anni alle qualità di Lukaku, che considera al pari di “Shaquille O'Neal: nessuno riesce a spostarlo, nemmeno in allenamento. Servono almeno tre giocatori per bloccarlo”.

Solo complimenti per il belga, che fin dal suo arrivo all'Inter ha instaurato un ottimo rapporto con i compagni e che lo stesso Barella conferma: “In campo è determinante come nessun altro. Quando è arrivato è stato incredibile: parlava già italiano! E' fortissimo”.

Classe 1997, il giocatore dell'Inter si definisce uno spirito libero, o almeno lo era finché non ha incontrato il suo attuale allenatore, Antonio Conte: “Il mister mi ha insegnato a scegliere i momenti”, ha raccontato il centrocampista. 

Maniaco dell'ordine fuori e ora anche dentro al campo, Barella ha ringraziato il tecnico della Nazionale, Roberto Mancini, per aver creduto lui e Gianfranco Zola, ex Cagliari, per avergli dato la possibilità di esordire: “E' la persona più umile che abbia mai conosciuto nel mondo del calcio. Questo mi ha fatto capire che l'umiltà è alla base di ogni successo". 

Infine un riferimento al suo idolo Stankovic, considerato da lui il numero uno: “I suoi gol erano i più belli, ma era anche un ottimo leader in campo”.

Commenti

Fantacalcio, le ultime dai campi per la 19^ giornata: dubbio Mkhitaryan, Morata e Zapata titolari
Napoli, tamponi negativi per tutti i giocatori: il comunicato della società