Serie C

Frenano Monza e Vicenza, non la Reggina. Il Carpi ne rifila 5 alla Regia!

Salvatore Delle Donne
11.02.2020 02:31
Pari senza conseguenze per Monza e Vicenza, riprende quota la Reggina. Passi falsi nei rispettivi gironi per Reggiana e BariNel girone A di Serie C continua la cavalcata del Monza, ormai con un piede e mezzo in serie B. Dopo aver rifilato un sonoro 4-0 al Lecco, la squadra di Brocchi non va oltre il pari in trasferta contro il Siena. Al Franchi succede tutto nel primo: i brianzoli in vantaggio di due reti, subiscono la doppia rimonta dei senesi per il 2-2 finale. Un pari che consente comunque alla squadra del patron Berlusconi di salire a quota 60 e mantenere invariato il vantaggio di 17 punti sulla seconda in classifica. Per i senesi, sesti con 38 punti, un risultato di prestigio contro una squadra nettamente più forte e quarto risultato utile consecutivo. Alle spalle della corazzata Monza c'è il sorprendente Renate. La squadra di Aimo Diana piega di misura la Pistoiese (a rischio playoff) grazie ad una rete di Galuppini e fa suo il secondo posto ai danni del Pontedera. Gli uomini di Maraia infatti incappano nell'ennesima sconfitta esterna: 3-1 a Vercelli contro la Pro e quinto turno di fila senza vittorie. Fallisce l'aggancio al terzo la Carrarese, che a sorpresa cade 2-1 sul campo dell'Olbia. I toscani in vantaggio nel primo tempo grazie a Pasciuti, subiscono nella ripresa le reti di La Rosa e Cocco, consentendo ai sardi di ritrovare una vittoria che mancava da ben 5 mesi, e di continuare a sperare nella salvezza. In zona playoff vince solo il Novara, che al Piola conquista la prima vittoria del 2020 travolgendo 4-1 il fanalino di coda Gozzano. Non vanno invece oltre l'1-1 Arezzo e Albinoleffe rispettivamente contro Como e Juventus U23. In zona playout non si arresta la corsa della Giana Erminio: tredici punti in sei partite. I lombardi conquistano la terza vittoria consecutiva battendo 2-1 l'Alessandria grazie ad una doppietta di bomber Manconi: adesso la salvezza non è più un miraggio. Vittoria preziosa anche per il Lecco, che tra le mura amiche si aggiudica lo scontro salvezza contro la Pergolettese. Al Rigamonti-Ceppi gli uomini di D'Agostino si impongono 3-1 allungando sulla zona playout e inguaiando e non poco gli uomini di Piacentini, terz'ultimi, a -7 proprio dai lariani.

Nel girone B ancora un passo falso per la capolista Vicenza, la quale incappa nel secondo pareggio consecutivo. A Pesaro, gli uomini di Mimmo Di Carlo non vanno oltre l'1-1 contro la Vis: al vantaggio di Arma risponde una prodezza del difensore Lelj. Un punto accolto comunque positivamente dai biancorossi, adesso a quota 57, +6 sulla Reggio Audace. La Regia non ne approfitta e al contrario capitola 5-1 nel derby contro il Carpi. Dopo essere passati in vantaggio grazie a Zamparo, i granata cadono sotto i colpi di uno scatenato Cianci (tripletta) e vengono avvicinati a un solo punto proprio dai biancorossi. A quota 45, a -5 dai modenesi, troviamo il Sudtirol, sconfitto 2-1 in rimonta dalla Fermana. Non ne approfitta il Padova di Mandorlini (imbattuto da quando siede sulla panchina dei veneti), che al Manuzzi contro il Cesena vede sfumare la vittoria nel finale. Un punto che non accontenta nessuno: il Padova resta quinto a -13 dalla vetta, i romagnoli invece continuano a viaggiare nell'anonimato a metà classifica. Inarrestabile la risalita della Feralpisalò, alla terza vittoria consecutiva. 2-1 sul campo del Fano penultimo in classifica e al terzo k.o. consecutivo: decide la sfida un destro vincente di Maiorino al 90'. In piena zona playoff troviamo anche Modena e Piacenza, entrambe vittoriose per 1-0. Al Braglia i gialloblu si aggiudicano lo scontro playoff contro la Samb, aprendo la crisi di risultati della squadra di Montero, alla terza sconfitta in cinque gare. I biancorossi invece espugnano Ravenna, conquistando la prima vittoria del nuovo anno e inguaiando la squadra di Foschi, quint'ultima con soli 24 punti. Nei bassi fondi della classifica non si registrano vittorie: l'Imolese pareggia a reti bianche sul campo della Virtus Verona, l'Arzignano 2-2 tra le mura amiche contro la Triestina.

Nel posticipo della venticinquesima giornata del girone C la capolista Reggina si aggiudica il posticipo sulla Ternana, quarta forza del campionato. A decidere il match del Granillo una rete di Liotti al 30', che consente ai calabresi di allungare a otto le lunghezze di vantaggio sul Bari secondo. La squadra di De Laurentiis, nel big match di giornata viene bloccata dal sorprendente Monopoli, vera sorpresa del campionato. Al Veneziani, in derby tutto barese, termina 2-2. Risalgono in classifica Catania e Viterbese, entrambe vittoriose su Cavese (o-1) e Teramo (2-0). Tutto facile invece per il Catanzaro: gli uomini di Auteri conquistano la terza vittoria consecutiva, espugnando 1-4 il campo del Rieti ultimo in classifica, salendo al sesto posto a quota 41 e interrompendo così la striscia di due risultati utili consecutivi dei laziali. Importante colpo in chiave salvezza della Sicula Leonzio, che tra le mura amiche infligge un sonoro 4-1 al Potenza, fermo al quinto posto con 45 punti. In zona playout piccolo passo per Bisceglie e Picerno, bloccate sullo 0-0 da Casertana e Vibonese. Situazione sempre più delicata in casa Avellino, alle prese con la difficile questione societarie e non solo. I lupi non vincono da ben cinque turni (tre pareggi e due sconfitte  nelle ultime cinque), la zona playout dista solo quattro punti.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Le pagelle di Inter-Napoli: gli azzurri vincono l’andata di Coppa Italia