Zazzaroni risponde a Berti
Serie A

Zazzaroni: "Serie A scadente. Iperboli giornalistiche, un vizio e una mistificazione della realtà"

Una Serie A stravolta da risultati clamorosi. Milan e Napoli sfortunate, Inter in cima alla classifica. Si sofferma sul nostro campionato il direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni

Ludovica Carlucci
23.12.2021 14:27

Una Serie A stravolta da risultati clamorosi come quello del Napoli che ieri sera ha rimediato la terza sconfitta di fila al Maradona per mano di uno Spezia che non ha mai tirato in porta. Le milanesi salgono la classifica mentre gli azzurri di Luciano Spalletti sono a 5 punti della Juventus, prossima avversaria dopo la sosta. A commentare il tutto è Ivan Zazzaroni nel suo classico editoriale sulle pagine de Il Corriere dello Sport.

LEGGI ANCHE: Sconcerti critica il Milan: "Calhanoglu senza rigori ha segnato più di tutto il centrocampo rossonero" 

Serie A scadente, Zazzaroni si sofferma sulla scarsa competitività del nostro campionato

Il direttore Ivan Zazzaroni ha fatto il punto sulla situazione in testa alla classifica della Serie A sottolineando i problemi delle dirette avversarie dei nerazzurri e soffermandosi sulla scarsa competitività del nostro campionato: "Nell’ultimo mese Milan e Napoli hanno perso per infortunio i giocatori più importanti e, con essi, tanta fiducia e troppi punti: la sfiga con loro è stata chirurgica".

"Il Napoli, in particolare, s’è visto privare di Osimhen, Koulibaly, Anguissa, Ruiz e Insigne: senza quattro o cinque titolarissimi la risolvi sulla breve distanza, mai sulla media. È la legge dei valori tecnici del calcio. Altre considerazioni: il livello del torneo è tutto sommato scadente; certe iperboli giornalistiche, un vizio e una mistificazione della realtà. Il divertimento deriva dall’apertura a più soggetti della corsa al titolo”, ha concluso Zazzaroni.

MasterChef Italia 11, streaming gratis e diretta tv Sky Uno o TV8? Dove vedere sesta puntata
Saelemaekers avverte l'Inter: "Lotta scudetto? Siamo tornati in corsa. Al ritorno basta batterli e..."