Calcio

Mihajlovic sfida il suo passato: sceglie Palacio contro la sua Inter

Marco Vigarani
03.02.2019 09:00
Mihajlovic e Palacio sono gli ex più attesi di Inter-Bologna: nerazzurri in crisi di gol ma dotati di una difesa imperforabileTra i tanti esordi possibili, mister Mihajlovic è atteso oggi certamente da uno dei più complicati. Su 81 partite disputate a San Siro contro l'Inter a partire dal 1929 infatti il Bologna è stato capace di vincere soltanto 12 volte a fronte di ben 47 sconfitte con appena 22 pareggi a mitigare la statistica. Impietoso anche il conto dei gol con 136 reti milanesi e 78 emiliane. In tempi recenti poi l’Inter è imbattuta da nove incontri di Serie A contro il Bologna, e non subisce gol in casa in Serie A da settembre ed è ad una sola gara dal record assoluto. È però anche vero che la formazione nerazzurra è ancora a secco di gol in campionato nel 2019 mentre il suo capitano Mauro Icardi non segna da cinque gare di campionato (astinenza più lunga della sua carriera meneghina). Luciano Spalletti ha un bilancio positivo sia contro il Bologna (10 vittorie, 9 pareggi, 7 sconfitte) sia contro Sinisa Mihajlovic (3 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta) il quale ha sempre faticato molto contro l'Inter (3 vittorie, 3 pareggi e 7 sconfitte). Oggi saranno certamente protagonisti due grandi ex nerazzurri come Rodrigo Palacio (169 gare e 58 gol tra 2012 e 2017) e appunto Sinisa Mihajlovic (43 gare e 6 gol tra 2004 e 2006 prima di due anni da allenatore in seconda con Mancini) così come sarà tra i titolari anche Andrea Poli (20 gare e 1 gol nel 2011/12) ma potrebbero trovare posto in campo anche Ibrahima Mbaye (9 gare tra 2012 e 2014) e Mattia Destro (cinque anni di giovanili senza mai esordire). Fischio d'inizio e direzione di gara affidate al signor Fabrizio Pasqua, 36enne di Tivoli con 34 gare di Serie A alle spalle e precedenti sostanzialmente negativi per il Bologna (2 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte) a differenza dei pochi positivi con l'Inter (1 vittoria e 1 pareggio).

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Secondo quarto decisivo: la Virtus supera Avellino 88-66