Morte Galeazzi, Zazzaroni: "È stato emarginato dai colleghi. Ha pagato la popolarità"
Calcio

Morte Galeazzi, Zazzaroni: "È stato emarginato dai colleghi. Ha pagato la popolarità"

Ivan Zazzaroni ha parlato a Fanpage.it in merito al ricordo di Giampiero Galeazzi, giornalista sportivo morto ieri a 75 anni

Davide Roberti
13.11.2021 11:01

Ivan Zazzaroni, direttore del Corriere dello Sport, ha parlato a Fanpage.it per ricordare la scomparsa di Giampiero Galeazzi. Questi alcuni passaggi particolarmente interessanti: “A un certo punto ho pensato di essere uno dei pochi che gli rispondeva. Forse qualche collega l'aveva un po' emarginato. Giampiero era uno che non si è mai montato la testa ed era un po' amareggiato per non avere mai ricevuto riconoscimenti in termini professionali. Mi diceva di avvertire un po' di amarezza, plausibile se consideriamo che è stato sicuramente il giornalista sportivo più popolare di sempre, di una popolarità globale, complessiva”.

LEGGI ANCHE: E' morto Giampiero Galeazzi: il giornalista sportivo aveva 75 anni

Continua, poi, Zazzaroni: “Forse nella seconda parte di carriera ha pagato un po' la popolarità. Nella prima parte era ovunque, ha raccontato qualsiasi sport, è legato ad ori importanti alle Olimpiadi e ha raccontato un momento del tennis italiano indimenticabile. Era veramente l'immagine della Rai a livello sportivo e probabilmente qualche invidia l'ha alimentata”.

Dove vedere Drag Race Italia, streaming gratis e diretta tv reality show Netflix o Sky?
L'ex arbitro Collina: "La VAR verrà utilizzata sempre di più. Obiettivo? Uniformarne l'utilizzo"