Criscitiello
Calcio

Criscitiello sentenzia: "Se mandi Calvarese a Juve-Inter significa che ami il dolore. Pirlo? Senza Champions..."

Il punto del noto giornalista Michele Criscitiello al termine della 37^ giornata di Serie A

Francesco Perna
18.05.2021 22:00

Il noto giornalista Michele Criscitiello , ha commentato le sorti dell'ultimo turno di Serie A nel suo editoriale su Tuttomercatoweb. Queste le sue parole: "A fine anno c'è una parola per tutti. Buona o cattiva non manca mai. 7 giorni alla fine della stagione e verdetti quasi decisi. Andiamo per gradi, altrimenti ci perdiamo. Quest'anno i pasticcieri sono chiusi per covid. Pochi biscotti in Italia. Il Crotone e il Cagliari hanno fatto le cose sul serio. Pioli che a fine gara dice: "Se non arriviamo quarti c'è delusione ma non è fallimento". No, Stefano sarebbe un fallimento colossale. Non puoi fare una partita così quando ti giochi la vita. Vediamo a Bergamo come andrà ma senza Champions è giusto che Pioli paghi se non avrà raggiunto il risultato ". 

Sul Torino

Il Torino è un disastro totale. Settimo monte ingaggi della serie A ma una squadra senza anima, senza organizzazione e dopo il flop di Giampaolo si aggiunge quello di Nicola. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Una società morta che se non andrà in B è solo per il suicidio inspiegabile del Benevento. Se il Toro resterà in serie A, questa volta, la rivoluzione dovrà essere totale.

Criscitiello sugli arbitri 

La verità è che sono quasi tutti scarsi e presuntuosi. Liberateci dalla Var che fa più danni degli addizionali. Quello che la serie A non ha capito è che più arbitri metti in campo, fuori dal campo e in cabina Var e più falsano le partite. L'unico Paese che non riesce a dare un significato corretto alla Var siamo noi. Ce la stanno facendo odiare. Arbitri che in campo si trasformano in leoni e poi, nella vita privata, sono ragazzi anonimi ai quali non daresti 1 euro neanche per farti prendere il caffè al bar; al Var anzi ". Ce la stanno facendo odiare. Arbitri che in campo si trasformano in leoni e poi, nella vita privata, sono ragazzi anonimi ai quali non daresti 1 euro neanche per farti prendere il caffè al bar; al Var anzi". Ce la stanno facendo odiare. Arbitri che in campo si trasformano in leoni e poi, nella vita privata, sono ragazzi anonimi ai quali non daresti 1 euro neanche per farti prendere il caffè al bar; al Var anzi".

Su Pirlo e Gattuso

“Gennaro Gattuso si gode il trionfo del Napoli, ultimo step verso il trionfo. Dove sono quelli che lo insultavano? Cosa dice De Laurentiis che, dopo Verona, chiamava Sarri all'insaputa di Rino. Diciamo la verità: a Napoli, di Gattuso, non hanno capito nulla. Riporterà gli azzurri, meritatamente, in Champions League e poi dirà addio. Fa bene a lasciare il Napoli anche se meriterebbe di giocarsi la Champions. Ripartire da Firenze non sarebbe la scelta giusta. Sicuramente sono avanti con la trattativa ma Gattuso farebbe bene a pensarci mille volte. Andiamo avanti nel vocabolario. La P di Pirlo e la T di Torino. La Mole Antonelliana dovrebbe restare spenta per qualche giorno per i disastri calcistici che hanno fatto quest'anno a Torino. Pirlo ha sbagliato tutto da quando è arrivato. Il primo errore è stato quello di dire sì. Il secondo è stato quello di aver accettato tutto da un mercato insoddisfacente. Se la Juventus resterà fuori dalla Champions League 3644 giorni dopo l'ultima volta con Del Neri, Pirlo avrà addosso un'etichetta che impiegherà 10 anni a far sparire. Il Cagliari ha fatto un bel favore alla Juve che ora spera nell'Atalanta. Mercoledì per la coppa e domenica per fermare il Milan. Se Gasperini gioca da Atalanta, la Juventus la scampa facile. Il Torino è un disastro totale. Settimo monte ingaggi della serie A ma una squadra senza anima, senza organizzazione e dopo il flop di Giampaolo si aggiunge quello di Nicola. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Una società morta che se non andrà in B è solo per il suicidio inspiegabile del Benevento la Juventus la scampa facile. Il Torino è un disastro totale. Settimo monte ingaggi della serie A ma una squadra senza anima, senza organizzazione e dopo il flop di Giampaolo si aggiunge quello di Nicola. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Una società morta che se non andrà in B è solo per il suicidio inspiegabile del Benevento la Juventus la scampa facile. Il Torino è un disastro totale. Settimo monte ingaggi della serie A ma una squadra senza anima, senza organizzazione e dopo il flop di Giampaolo si aggiunge quello di Nicola. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Una società morta che se non andrà in B è solo per il suicidio inspiegabile del Benevento senza organizzazione e dopo il flop di Giampaolo si aggiunge quello di Nicola. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Una società morta che se non andrà in B è solo per il suicidio inspiegabile del Benevento senza organizzazione e dopo il flop di Giampaolo si aggiunge quello di Nicola. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso. Moreno Longo aveva salvato con destrezza la squadra ma il suo lavoro è stato snobbato. Il Torino, da quando è andato via Petrachi, si è perso..

 

Commenti

Ciclismo, l'incredibile retroscena su Jan Ullrich: "Prima delle corse metteva la nutella nel microonde e..."
Playoff Daily #4 L'uomo del giorno e' Pozzecco