Lega Calcio DAZN - Il Fatto Quotidiano
Serie A

Serie A su DAZN, altro disastro: ora i presidenti dei club rischiano di perdere 100 milioni di euro

Nuovo incredibile "pasticcio" per quanto riguarda i diritti tv: ecco cosa sta succedendo

Davide Roberti
07.09.2021 10:59

Nuove polemiche in vista per DAZN, dopo qualche settimana di attacchi per la pessima qualità del servizio. Secondo quanto riportato da Milano e Finanza, a causa della cessione dei diritti tv alla piattaforma di streaming, i presidenti delle squadre di Serie A rischiano di perdere circa 100 milioni di euro: ecco spiegato il motivo.

LEGGI ANCHE: Sky-DAZN, quanti sono gli abbonati? Gli italiani in fuga dalle pay tv

Così riporta Milano e Finanza: “Cento milioni in bilico. È questa la somma che, leggi e decreti alla mano, rischiano di perdere i presidenti dei 20 club di Serie A dopo l’assegnazione dei diritti tv per le stagioni 2021-2024 aggiudicati a Dazn per 840 milioni all’anno”. 

Ecco perché: nel 2018, fu firmato un decreto legge che modificò la Legge Melandri sui diritti tv: col nuovo decreto, si stabilì che il 20% della torta dei diritti tv andasse diviso sulla base degli ascolti ai singoli proprietari delle squadre di Serie A. Di questo 20%, poco meno della metà (l'8% per la precisione) va ripartito in base a criteri più oggettivi e misurabili come l’audience televisiva certificata da Auditel

DAZN, però, si affida a Nielsen e non ad Auditel per la quantificazione degli ascolti. Il problema è che, nel decreto legge del 2018, è previsto che vengano considerati i dati oggettivi di Auditel: pertanto, non sarebbero validi quelli di Nielsen per DAZN. Dunque, ipotizzando 1.2 miliardi di ricavi totali per i diritti tv, l'8% coinciderebbe a circa 100 milioni, cifra che i presidenti dei club non potrebbero intascare.

Escape Room 2 Gioco Mortale, streaming gratis Netflix? Dove vedere Film Completo Horror
Ronaldo: "Io sono interista, contento di aver interrotto la striscia vincente della Juventus. CR7? I bianconeri restano forti lo stesso"