Moto GP

MotoGP, la sentenza su Iannone slitta ad ottobre. Le ultime

Il pilota dell'Aprilia, squalificato per 18 mesi, vede posticipata l'udienza al Tribunale arbitrale dello sport

Francesco Perna
13.08.2020 16:30

Andrea Iannone (Ph. Zimbio)

Andrea Iannone era risultato positivo al controllo antidoping effettuato lo scorso 3 novembre in Malesia, vittima di una contaminazione alimentare: nonostante questo, la Wada è intenzionata a chiedere al Tas di inasprire la pena e punire il pilota italiano con 4 anni di stop. Sulla sentenza arrivano importanti novità attraverso le parole dell'Amministratore delegato Aprilia, Massimo Rivola: "La Wada è riuscita a ottenere slittamento dell'udienza, che si terrà dunque il 15 ottobre. In questo modo mette in grandissima difficoltà sia noi sia il pilota".

Come si organizzerà il team, a questo punto? "Dobbiamo pensare a una strategia per non perdere opportunità, ma la nostra intenzione è di aspettarlo, crediamo nell'innocenza di Andrea"

Commenti

US Open, Djokovic ci sarà: "Tornare alle competizioni mi emoziona"
David Silva, la firma con la Lazio slitta: possibile inserimento della Juventus. La situazione