La Virtus mette la sesta in Europa: anche Strasburgo finisce ko

Marco Vigarani
14.11.2018 22:16
Virtus ancora imbattuta in Champions League: al PalaDozza cade anche Strasburgo per 87-81. La squadra di Sacripanti resiste e nel finale la chiude Punter (26 punti) Ritrovato il sorriso in campionato, la Virtus cerca di conservare l'imbattibilità in Champions League sfidando Strasburgo. Devono sudare come forse mai fatto in questa competizione, ma alla fine i bianconeri escono ancora vincenti dalla sfida grazie ad una buona tenuta nel corso della sfida e alle solite conclusioni mortifere di Punter nel finale.I francesi partono subito forte sfruttando soprattutto il fisico di Collins e cinque minuti di attacchi praticamente a vuoto dei bianconeri: serve una bomba di Aradori a ricucire il mini-break e sbloccare gli uomini di Sacripanti. Inizia così una battaglia dalla lunga distanza con Punter a rispondere due volte a Collins e Green per una Virtus che continua a soffrire sotto canestro. Il secondo quarto riparte dal 13-18 e con una difesa bianconera più concentrata ma che non riesce a bloccare le bocche da fuoco transalpine: a rimettere tutto in discussione ci pensano allora una bomba di Baldi Rossi ed il successivo canestro del 24-25 di Taylor. Arriva così il sorpasso firmato Kravic e l'inerzia della gara piega verso i padroni di casa anche grazie all'intensità messa in campo da Pajola, autore anche di 4 punti fondamentali. Strasburgo però non molla e rientra soprattutto grazie ai liberi e giunge all'intervallo lungo in perfetta parità sul 40-40. Taylor e Punter riaprono le ostilità con due errori abbastanza clamorosi dalla lunga distanza e allora serve la tripla di Aradori per riaccendere il motore di una Virtus però ancora troppo distratta per prendere in mano la gara. La presenza di Qvale aggiusta parzialmente le cose sotto canestro mentre la difesa ospite inizia ad innervosire i bianconeri con qualche contatto oltre il limite (c'è anche un doppio tecnico Green-Punter) ed il punteggio resta bilico con un vantaggio bolognese che resta sempre sotto la doppia cifra (61-58 il finale di terzo periodo). Francesi però che ripassano in vantaggio dopo pochi minuti di quarta frazione approfittando di polveri offensive decisamente bagnate per la Virtus a cui serve pazienza per ritornare in controllo della gara soprattutto grazie alle giocate di MBaye su entrambi i lati del campo: difesa, stoppate, canestri e assist per l'ex milanese. Nei minuti finali e decisivi arrivano anche canestri pesanti da Punter che di fatto chiudono le ostilità anche in anticipo rispetto alla sirena finale che suona sul 87-81. VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA-SIG STRASBOURG 87-81 (13-18,40-40, 61-58) VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Punter 26, Pajola 6, Taylor 10, Baldi Rossi 5, Cappelletti NE, Kravic 8, Aradori 9, Berti NE, MBaye 11, Cournooh 7, Camara NE, Qvale 5. All: Sacripanti. SIG STRASBOURG: Collins 20, Beyhurst, Serron 7, Eddie 11, Nzeulie 8, Green 12, Pietrus, Lang 2, Goulmy NE, Fall 13, Traorè 8. All: Collet.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Meggiorini incubo rossoblù, Gabbiadini torna al gol