Ciclismo

Lance Armstrong, nuove accuse: "Il più dopato del pianeta, ecco come sfuggiva ai controlli"

Il direttore del laboratorio antidoping di Losanna, Martial Saugy, ricorda il periodo che ha visto protagonista Lance Armstrong

Giuseppe Biscotti
16.10.2021 15:32
Lance Armstrong

Dopo oltre venti anni Martial Saugy, direttore del laboratorio di Losanna, ha deciso di dimettersi dalla carica di uno dei simboli della lotta al doping e si è sfogato così sul quotidiano 24heures riguardo gli anni bui della dinastia Lance Armstrong: "A parte un caso di corticosteroidi al Tour del 1999, che se l'è cavata con un certificato medico retrodatato, Lance Armstrong non era mai risultato positivo. Fa male a tutti sapere che uno dei tipi più dopati del pianeta era sfuggito a tutti i controlli. Fondamentalmente, Armstrong è stato soprattutto la dimostrazione di una cattiva organizzazione della lotta al doping in tutto il mondo. È una terribile constatazione di fallimento per la lotta al doping, ma non è il fallimento dei laboratori, è il fallimento di un'organizzazione: i controlli, come sono stati fatti al Tour de France, sono stati inutili.

LEGGI ANCHE: La stampa francese infanga Colbrelli dopo il trionfo alla Parigi-Roubaix: "C'è l’odore nauseabondo del dubbio..."

Saugy continua: "L'EPO era stato rilevato dal 2000, ma i test in gara sono stati effettuati al di fuori della finestra di rilevamento, perché i corridori erano passati alle microdosi e avevano modificato i loro orari: hanno preso l'EPO prima dei grandi giri, poi hanno fatto un piccolo promemoria, probabilmente prima della terza settimana. Poi Armstrong passò alle trasfusioni di sangue, che erano molto difficili da rilevare. Prima dell'introduzione del passaporto biologico, nel 2008, qualsiasi ciclista che si è dopato con l'EPO e poi in gara, ha fatto ricorso a trasfusioni di sangue, non è mai risultato positivo". 

LEGGI ANCHE:  Jan Ullrich confessa: "Sono stato vicino alla morte come Pantani. Lance Armstrong mi ha salvato"