Mihajlovic sarebbe da fare Sindaco: con Sinisa il Bologna è cambiato

Alberto Bortolotti
13.07.2019 18:12
Onore all’uomo Mihajlovic: spot bellissimo che oggi il serbo, Nanni e Sabatini hanno fatto alla città. Sinisa ha messo a nudo tutta la sua umanità Capita anche che qualcuno venga a ringraziarti perché, avendo saputo che sapevi, te lo sei tenuto per te. E tu gli rispondi che è il minimo scrupolo professionale, intanto per la ragione che non puoi avere sottomano i dati certi che si tratti di leucemia, e poi perché un conto è scrivere o dire che arriva un giocatore, un conto è farsi un po' belli con le disgrazie di una persona. Mihajlovic ci ha ripescato dal fondo di un bidone del rusco a gennaio. E' nella nostra storia come Felsner, Weisz, Bernardini, Maifredi e Ulivieri, pur avendo avuto risultati molto meno eclatanti. C'è perché è entrato nel "mood" di una città anche se in estate ha flirtato con altre ragazze e noi abbiamo rischiato di restare zitelle. Però, a ben pensarci, oggi lui - e Nanni, e Sabatini, certo - ha fatto uno spot incredibile alla città. Alla sua umanità, al fatto che pigli delle cotte pazzesche e quindi sia anche ingenua la sua parte e alle sue eccellenze. La promozione al Sant'Orsola è tanto meritatissima quanto molto più importante di quando non lo fa Sergio Venturi piuttosto che non Virginio Merola: un serbo, romano di adozione e visibilmente anti-comunista non è qui per leccare le natiche a nessuno. Analisi tempestive, ricovero, efficienza, fama mondiale del reparto di ematologia. Nella sfiga, Sinisa è capitato in uno dei migliori dipartimenti di cura del Pianeta. E se la smettessimo di zigarci sempre addosso, seguendo il suo esempio, e valorizzassimo quello che sappiamo fare per davvero avremmo finalmente cominciato a uscire da quella cappa di pessimismo unito a vuota e tronfia retorica che accompagna la vita politico-sociale di questo paese. Aggravati, certo, nell'ultimo periodo, ma già presenti. Così non c'è molto da dire. "Non devo far pena a nessuno", è il manifesto del pomeriggio. Lui si cura, delega, ma non smette di allenare. E motivarci, fare il coach di tutto l'anello di circonvallazione, spronarci a uscire dal "piccolismo" delle gestioni tecniche precedenti: se perdevi con l'Inter, era normale. Oggi no, hai chances. Uno così sarebbe da fare Sindaco. Forse riuscirebbe perfino a fare lo stadio, che peraltro pare finalmente essere un'opera possibile. Lui non si accontenterebbe certo di 30.000 posti. Ne vorrebbe il doppio. Convinto di riempirlo, sicuro.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Tennis, Di Mauro: primo bolognese nella storia giudice di linea in una finale a Wimbledon